Vai al contenuto

“ Il gioco del topo “ l’opera di Giacomo Francesco Cipper detto il Todeschini rientra in Italia e sarà in mostra al Mudes Museo

di Cristina Baldini

Il gioco del Topo di Giacomo Francesco Cipper detto il Todeschini

Un’opera sensazionale del grande artista “ Il Todeschini “ sarà esposto presso le sale del Museo Itinerante Mudes. L’opera battuta in asta da Christie’s e’ oggi rientrata in Italia con la proprietà di Loris Zanrei, collezionista e imprenditore, che è riuscito ad aggiudicarsela nel 2020.

L’opera in asta da Christie’s New York nel 1999

Il dipinto riprende nello schema compositivo, nelle figure centrali e in molti dettagli l’ ‘Interno di cucina’ reso noto da M.S. Proni, Giacomo Francesco Cipper, detto il “Todeschini”, Soncino, 1994, p.76, fig.22, mentre il motivo del cane reperibile in molte opere del Cipper, come ad esempio il ‘Venditore di selvaggina’ in collezione privata (cf. M.S. Proni, op.cit., n.30, pp.98-99).

L’opera, stimata oggi tra le 15.000,00 e 20.000,00 euro sara prestata da Loris Zanrei per 3 mesi al Museo Mudes che farà tappa nelle principali sale italiane. (Il programma e’ visibile sul sito del museo).

E’ una grande soddisfazione sapere che un’opera internazionale così importante e significativa faccia rientro in Italia e sia disponibile per tutti coloro che amano l’arte e possono godere della visione della stessa attraverso le pareti di un Museo.

Giacomo Francesco Cipper, detto il Todeschini

Non se ne conoscono i dati biografici: forse era oriundo del Tirolo e fu attivo in Italia settentrionale nella prima metà del Settecento, soprattutto nel bresciano e nel bergamasco.

Alcune delle sue numerose opere, firmate Cipper, Zipper o Cipri affiancato dall’appellativo tedesco, sono datate tra il 1705 (Scena zingaresca della Collezione Geri a Milano) e il 1736 (Pittore nel suo studio, Hampton Court). Pittore di genere, aderì alla cultura nordica e guardò con interesse alle opere di Pietro Bellotto. La feconda attività del Todeschini si inserisce, con un tono di facile divertimento, della variegata corrente della pittura a soggetto popolare che ebbe particolare fortuna in Lombardia e nell’Europa centrale raggiungendo l’espressione più schietta e più forte nel Pitocchetto.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: