Vai al contenuto

Biennale d’arte di Andria 023, le nuove date al museo Diocesano San Riccardo

a cura di Redazione


Sono state comunicate le nuove date per la Biennale di Andria al Museo Diocesano che esordirà il 5 Aprile 2023 per terminare il 19 dello stesso mese.

Il momento dell’inaugurazione
Il 23 aprile scorso

In previsione un ricco programma di eventi per una kermesse che preparerà terreno fertile in cui far affondare le radici all’arte con la A maiuscola. L’evento sara’ curato dal direttore artistico Michele Riefolo, artista pugliese classe 1976, e prodotta da Magnolia Arte Srl di Loris Zanrei, editore e mercante d’arte. Prevista la pre-opening della Biennale di Andria, con tanti appuntamenti da segnarsi in agenda a caratteri cubitali. Nel solco dei temi individuati dalla mostra, artisti di oggi e di ieri comporranno una narrazione armonica, nell’ottica di far emergere “nuove conoscenze nella sfera dello spirito”, superando dualismi fin troppo radicati in favore di “ibridismo e relazionalità fluttuanti”.

Michele Riefolo – Artista, Direttore Artistico della Biennale di Andria

La mostra si propone di presentare opere in cui gli artisti riescano a cogliere il punto d’incontro tra essere umano e spiritualità. Un’altra parte di seme cadde sulla terra buona e diede frutto: nasce un do ut des di reciprocità che evidenzia il legame di cooperazione con il territorio. L’arte diventa così mezzo per condividere un messaggio di concezione spirituale e di anima, memore delle antiche odi latine, scavando nell’essenza di ciascuno affinché il seme gettato cresca rigoglioso.

Loris Zanrei, Produttore della Biennale di Andria 2023 – Magnolia Arte Srl

Il Museo Diocesano di Andria

INFO: BIENNALEDIANDRIA@LIBERO.IT

Il Museo diocesano di Andria, istituito con Decreto vescovile del 20 maggio 1972, è stato fortemente voluto da mons. Giuseppe Lanave, Vescovo della Diocesi dal 29 marzo 1969 al 19 novembre 1988. Con sensibilità e intuito raccolse e conservò per la sua comunità un prezioso patrimonio dal riconosciuto valore artistico e di fede.
Nel volume dal titolo “Ho raccolto per voi”, pubblicato nel 1994, mons. Lanave spiegava le ragioni che avevano portato alla nascita del Museo diocesano d’arte sacra. “Come nacque il Museo? Nacque da una mia naturale sensibilità ed apertura alle cose belle, che l’arte e la fede hanno fatto e sparso per tutte le nostre chiese. Capii che in giro vi dovevano essere molte opere d’arte. Scendendo nelle parrocchie, dopo le visite di dovere, entravo nelle retro sagrestie e lì, negli angoli, trovavo quadri malandati, accantonati, candelieri sgangherati, pezzi di marmo operati”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: